Venerdì 29 Agosto 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Martha’s Vineyard e Nantucket: le isole dei Vip
Isole sospese fra le brume atlantiche e una vegetazione diffusa. Calde e piene di vita nelle brevi estati della costa orientale. Frequentate dal mondo politico e finanziario
di Luisa Espanet

Tranquille, verdissime, facili da raggiungere, Martha’s Vineyards e Nantucket, davanti alle coste nel Massachusetts, sono le isole-gioiello dell’East Coast. Ex avamposti marittimi del 1700, dove approdavano le baleniere e le navi mercantili, sono ora i rifugi dorati per i week-end dell’upper-class bostoniana e newyorkese. Apparentemente simili per la natura e la vicinanza hanno in realtà delle differenze quanto a frequentazioni e stili di vita.
Quel che resta delle vigne
Martha’s Vineyard è la più grande e anche la più vicina alla costa. Si può raggiungere in aereo o per mare da Hyannis, luogo preferito dai Kennedy, o da Woods Hole non lontano da Cape Cod. Il nome che significa “i vigneti di Martha”; glielo diede un marinaio nel 1600 che ci capitò bordeggiando davanti alle coste. Dei vigneti dedicati alla sorella Martha ne resta uno solo, piccolo, ma ancora produttivo. E soprattutto così simbolico che gli habitués chiamano l’isola semplicemente “Il vigneto”. Il centro più importante è Vineyard’s Haven al nord con un porto sempre pieno di barche a vela. È il centro dello shopping ed è anche l’unico dove c’è un via vai tutto l’anno. Fra gli indirizzi da segnalare Fancy That in Union Street: buona scelta di gioielli in argento, pullover fatti a mano e biciclette personalizzate. O Timeless Treasures in Main Street con pezzi d’antiquariato, fra accessori e abiti vintage. Fra le curiosità da non mancare la State Lobster Hatchery and Research Station, il più antico vivaio di aragoste, dove i piccoli crostacei vengono nutriti con gamberetti fino a quando raggiungono dimensioni tali da poter essere portati nell’Atlantico …per essere ripescati. Le aragoste e i crostacei più a buon mercato si mangiano a Oak Bluffs, altra cittadina dell’isola, zeppa di locali aperti in estate fino a tarda ora. Vale una visita Wesleyan Grove un quartiere costituito da una piazza con una chiesa bianca troppo grande e stradine con cottage vittoriani dalle sovraccariche decorazioni. Le chiamano “ginger bread”, perché sembrano quelle delle torte.
Fra rifugi dorati e set cinematografici
Niente a che vedere con la raffinatezza delle case dei capitani delle baleniere di Edgartown, l’altra città sulla costa est. In stile vittoriano anche queste, ma più rigorose, hanno tutte dei curatissimi giardini separati tra loro da impeccabili steccati bianchi. Villeggiatura preferita di wasp e politici (per anni ci sono andati i Clinton) Edgartown possiede le ville più eleganti e gli alberghi più esclusivi. Basta pensare alla Charlotte Inn in Summer street (tel.508-6274751), un edificio bianco con colonne all’entrata dove solo la targa dei Relais & Chateaux fa capire che si tratta di un albergo. Tutto all’interno rivela il gusto per i dettagli di una casa privata. Dalla biblioteca con le poltrone di pelle e il bar a vista, al soggiorno con modellini di nave e quadri Ottocento, alle 24 camere diverse l’una dall’altra. Nella “carriage house” nel giardino, c’è una collezione di oggetti di modernariato, fra cui una Ford station wagon con legno degli anni Quaranta, tuttora funzionante. Cucina raffinata al ristorante, dove non vengono accettate prenotazioni per tavoli di più di quattro persone, per garantire l’atmosfera rarefatta. Non lontano c’è il Tuscany Inn di un’affascinante signora toscana che, oltre ad aver arredato con molto stile il suo piccolo hotel, organizza dei corsi di cucina, naturalmente italiana, con prodotti che arrivano direttamente dall’Italia (tel.508-6275999). Da Edgartown, con un traghetto che porta solo sei automobili, si raggiunge in cinque minuti l’isola di Chappaquiddick. Selvaggia e con poche case, è diventata tristemente famosa per l’incidente di Edward Kennedy che costò la vita alla signora che era con lui. Anche Menemsha, località della costa ovest, è legata a un altro drammatico episodio della storia dei Kennedy. Vicino al porticciolo, set del remake di “Sabrina” e de “Lo squalo”, furono trovati, infatti, i resti dell’aereo di John F. Kennedy jr., detto John John. Per il migliore pesce dell’isola, da provare a Menemsha il Beach Plum Inn (tel.508-6459454), dove una sera la settimana lo chef spiega la preparazione dei piatti. Per la vista eccezionale consigliato Gay Head a pochi chilometri, con scogliere di argilla, originate dai ghiacciai, e un faro in posizione strategica per foto d’effetto.
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 
Week-end e tempo libero
Tra arte e laguna
Valido fino al 31 dicembre 2014
Tra rose, storie e leggenda
Da Aprile a Novembre (chiuso Luglio e Agosto)
Offerte di viaggio
Alla scoperta dell'India tra yoga e spiritualità
Gran Tour del Peru'
Crociera alle Bahamas
NOTIZIE
29/08/14 - Arte
Fino al 21 settembre si può visitare la mostra “Simboli vivi”. L'esposizione...
29/08/14 - Turismo
Si rinnova l'appuntamento con il TTT – Tourism Think Tank dal 30 settembre al 1 ottobre 2014...
29/08/14 - Mestieri vecchi e nuovi
Quello del casaro è uno dei mestieri più antichi, che per essere svolto oggi...
29/08/14 - Trasporti
Interessante l’indagine di flightright.it, un portale online dedicato ai passeggeri del...
29/08/14 - Enogastronomia
Friuli DOC, la fiera enogastronomica regionale del Friuli Venezia Giulia, torna a Udine...
L'alfabeto delle Olimpiadi torinesi -1
AArata Isozaki - E architetti vari. Lasciare una città agli architetti (vedi Brasilia) non è...
Pulau Tioman, figlia di Osman
Se c'era e cos'era all'inizio del mondo, nessuno può dirlo con precisione. Come tutte le isole del...
Profumi di lavanda a Bellevue nella campagna provenzale
Immersa nel parco naturale del Verdon, con vista sulla Valle di Aups e sulle montagne di Estérel,...
A Manhattan con il city pass per il MOMA e il Guggenheim...
Dal 14 al 31 marzo, lo Starhotels The Michelangelo, hotel deluxe, nel cuore di Manhattan propone...
Dublino, capitale da "assaporare"
"Se riesco ad arrivare al cuore di Dublino, posso arrivare al cuore di tutte le città del mondo",...
Isole Cayman: mare, sabbia e soldi
Se si guardano sulla carta sono tre minuscole isolette, a ridosso, quasi oppresse dalla grande...
Pedalando in Europa
Sono disponibili 30 itinerari per circa 4mila km. Buona segnaletica, cartografia e notevole...
Pasqua al cioccolato ai piedi del Gran Paradiso
A Cogne, L'Hotel Miramonti, un'antica casa di montagna trasformata in albergo a 4 stelle, propone...
Langkawi, terra di leggende e superstizioni
"Come sarebbe stato bello evitare il Natale, cominciò a pensare. Uno schiocco delle dita ed è il...
Città e paesi con "vista mare"
Le dita dell'oceano infilate nei suoi fianchi, intrecciate con i suoi fiumi in una stretta umida e...
Malacca, mito d'Oriente
Ai tempi di Marco Polo, la Via della Seta era l'itinerario commerciale più battuto d'Oriente,...
LIBRI E GUIDE
Scoprire Parigi in Metro Da un'idea di Fabienne Kriegel; testi di Anne-Claire Ruel, Auriélie Clair, Catherine Taret Gremese edizioni, pagine 386, Euro 19,50.
Manuale dello chef di Claudio Sadler, Giunti Editore, Fotografie di Francesca Brambilla e Serena Serrani, pagine 288, Euro 19,90.
TUTTI I DOSSIER
0.93597602844238