Venerdì 31 Ottobre 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Martha’s Vineyard e Nantucket: le isole dei Vip
Isole sospese fra le brume atlantiche e una vegetazione diffusa. Calde e piene di vita nelle brevi estati della costa orientale. Frequentate dal mondo politico e finanziario
di Luisa Espanet

Tranquille, verdissime, facili da raggiungere, Martha’s Vineyards e Nantucket, davanti alle coste nel Massachusetts, sono le isole-gioiello dell’East Coast. Ex avamposti marittimi del 1700, dove approdavano le baleniere e le navi mercantili, sono ora i rifugi dorati per i week-end dell’upper-class bostoniana e newyorkese. Apparentemente simili per la natura e la vicinanza hanno in realtà delle differenze quanto a frequentazioni e stili di vita.
Quel che resta delle vigne
Martha’s Vineyard è la più grande e anche la più vicina alla costa. Si può raggiungere in aereo o per mare da Hyannis, luogo preferito dai Kennedy, o da Woods Hole non lontano da Cape Cod. Il nome che significa “i vigneti di Martha”; glielo diede un marinaio nel 1600 che ci capitò bordeggiando davanti alle coste. Dei vigneti dedicati alla sorella Martha ne resta uno solo, piccolo, ma ancora produttivo. E soprattutto così simbolico che gli habitués chiamano l’isola semplicemente “Il vigneto”. Il centro più importante è Vineyard’s Haven al nord con un porto sempre pieno di barche a vela. È il centro dello shopping ed è anche l’unico dove c’è un via vai tutto l’anno. Fra gli indirizzi da segnalare Fancy That in Union Street: buona scelta di gioielli in argento, pullover fatti a mano e biciclette personalizzate. O Timeless Treasures in Main Street con pezzi d’antiquariato, fra accessori e abiti vintage. Fra le curiosità da non mancare la State Lobster Hatchery and Research Station, il più antico vivaio di aragoste, dove i piccoli crostacei vengono nutriti con gamberetti fino a quando raggiungono dimensioni tali da poter essere portati nell’Atlantico …per essere ripescati. Le aragoste e i crostacei più a buon mercato si mangiano a Oak Bluffs, altra cittadina dell’isola, zeppa di locali aperti in estate fino a tarda ora. Vale una visita Wesleyan Grove un quartiere costituito da una piazza con una chiesa bianca troppo grande e stradine con cottage vittoriani dalle sovraccariche decorazioni. Le chiamano “ginger bread”, perché sembrano quelle delle torte.
Fra rifugi dorati e set cinematografici
Niente a che vedere con la raffinatezza delle case dei capitani delle baleniere di Edgartown, l’altra città sulla costa est. In stile vittoriano anche queste, ma più rigorose, hanno tutte dei curatissimi giardini separati tra loro da impeccabili steccati bianchi. Villeggiatura preferita di wasp e politici (per anni ci sono andati i Clinton) Edgartown possiede le ville più eleganti e gli alberghi più esclusivi. Basta pensare alla Charlotte Inn in Summer street (tel.508-6274751), un edificio bianco con colonne all’entrata dove solo la targa dei Relais & Chateaux fa capire che si tratta di un albergo. Tutto all’interno rivela il gusto per i dettagli di una casa privata. Dalla biblioteca con le poltrone di pelle e il bar a vista, al soggiorno con modellini di nave e quadri Ottocento, alle 24 camere diverse l’una dall’altra. Nella “carriage house” nel giardino, c’è una collezione di oggetti di modernariato, fra cui una Ford station wagon con legno degli anni Quaranta, tuttora funzionante. Cucina raffinata al ristorante, dove non vengono accettate prenotazioni per tavoli di più di quattro persone, per garantire l’atmosfera rarefatta. Non lontano c’è il Tuscany Inn di un’affascinante signora toscana che, oltre ad aver arredato con molto stile il suo piccolo hotel, organizza dei corsi di cucina, naturalmente italiana, con prodotti che arrivano direttamente dall’Italia (tel.508-6275999). Da Edgartown, con un traghetto che porta solo sei automobili, si raggiunge in cinque minuti l’isola di Chappaquiddick. Selvaggia e con poche case, è diventata tristemente famosa per l’incidente di Edward Kennedy che costò la vita alla signora che era con lui. Anche Menemsha, località della costa ovest, è legata a un altro drammatico episodio della storia dei Kennedy. Vicino al porticciolo, set del remake di “Sabrina” e de “Lo squalo”, furono trovati, infatti, i resti dell’aereo di John F. Kennedy jr., detto John John. Per il migliore pesce dell’isola, da provare a Menemsha il Beach Plum Inn (tel.508-6459454), dove una sera la settimana lo chef spiega la preparazione dei piatti. Per la vista eccezionale consigliato Gay Head a pochi chilometri, con scogliere di argilla, originate dai ghiacciai, e un faro in posizione strategica per foto d’effetto.
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 
Week-end e tempo libero
Tra rose, storie e leggenda
Da Aprile a Novembre (chiuso Luglio e Agosto)
Sulle tavole torna il Tartufo
Dal 19 ottobre al 16 novembre 2014
Offerte di viaggio
Crociera alle Bahamas
Capodanno da favola a New York
Australia Fantastica con Chiariva
NOTIZIE
31/10/14 - Turismo
"In queste ultime settimane stiamo registrando alcune richieste di cancellazioni dei viaggi verso...
31/10/14 - Turismo
Un tavolo per programmare la promozione da fare in occasione di Expo insieme alle regioni e un...
30/10/14 - Premi
Scade il primo dicembre il termine per partecipare al concorso internazionale "Fotografare il...
30/10/14 - Solidarieta'
Dal 6 al 15 novembre, nella sede del Consiglio della Provincia Autonoma di Trento - Atrio Palazzo...
30/10/14 - Alberghi
Hilton Worldwide ha annunciato la firma di un accordo di franchising con la società GdF...
Malacca, mito d'Oriente
Ai tempi di Marco Polo, la Via della Seta era l'itinerario commerciale più battuto d'Oriente,...
Torino "durante"
Shopping strano, particolare. Non banale. Ecco Baricole (via della Rocca 41, telefono 011 8122583)...
Ferias y Fiestas
In un Paese tanto grande (quasi due volte la superficie dell'Italia), popolato da gente diversa per...
L'alfabeto delle Olimpiadi torinesi -1
AArata Isozaki - E architetti vari. Lasciare una città agli architetti (vedi Brasilia) non è...
Una cucina di terra e di mare
Basta un rapido sguardo alla carta geografica della Spagna per notare che i confini della Galizia...
Piccole città, grandi Musei
Immaginate di percorrere un lungo viale in direzione dell'ingresso; nella vostra mente avete ancora...
L'America dei Diner
Incredibile, ma vero. Scoprire l'anima di una nazione scambiando quattro chiacchiere con gente di...
Speciale "Olimpiadi Invernali Torino 2006"
Non solo cornice, ma cuore pulsante dello spettacolo. Il barocco e il contemporaneo, il regale, il...
Pasqua al cioccolato ai piedi del Gran Paradiso
A Cogne, L'Hotel Miramonti, un'antica casa di montagna trasformata in albergo a 4 stelle, propone...
Isole Cayman: mare, sabbia e soldi
Se si guardano sulla carta sono tre minuscole isolette, a ridosso, quasi oppresse dalla grande...
Due ruote di libertà
Esercizio fisico abbinato a una scoperta del territorio lenta, graduale senza consumare una goccia...
LIBRI E GUIDE
I grandi miti della psicologia popolare di Lilienfeld S.O., Lynn S.J., Ruscio J., Beyerstein B.L., Raffaello Cortina Editore, pagine 392, Euro 26,00.
Il bambino scambiato di Kenzaburo Oe, Garzanti, pagine 448, Euro 24.00.
TUTTI I DOSSIER
1.043762922287