Domenica 21 Settembre 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Buona tavola
Vini di Tunisia
Caldo, sole, mare, scampoli di deserto, datteri, palmeti. Questa la Tunisia che tutti conoscono e apprezzano. "Prodotti" naturali ai quali ora si affiancano quelli lavorati dall'uomo: il vino su tutti
di Fiorenzo Barzaghi

La Tunisia ha iniziato a puntare sull'enogastronomia, in particolare sul vino

La Tunisia ha proprio deciso di fare il grande balzo nel mondo dei poli attrattivi del turismo di qualità.

Ha capito che non basta avere un po' di costa e un po' di foclore per assicurarsi un futuro nel difficile mercato dell'hospitality. Bisogna offrire sempre qualche cosa di più e di diverso. E così, anno dopo anno, ha diversificato e aumentato la propria offerta, andandosi a cercare il cliente in altre fasce di mercato e in particolare in quei segmenti dove la capacità di spesa è maggiore.

Alla ricerca di "nuovi" ospiti
Uno dei numerosi villaggi all inclusive sulle coste tunisine

Non ha per certo abbandonato il filone che ha sempre rappresentato la “gallina dalle uova d’oro”, vale a dire il cliente storico: quello balneare, dei villaggi del tutto-incluso, della passeggiatina sul dromedario e della vita notturna “che-non-è-mai-tardi”; tutte cose che avevano funzionato, e funzionano, ma che avevano fissato l’immagine del piccolo Paese dirimpettaio della Sicilia in una sorta di gran bazar del turismo a buon mercato e di poche pretese. Un poco per volta, ma con determinazione, la Tunisia ha intelligentemente capito che era giunto il momento di cercare nuove strade, di ampliare il ventaglio delle offerte. E così ha scoperto, valorizzato e poi fatto crescere con rapidità, il settore del turismo-benessere. Ha cominciato a coccolare il cliente-turista in strutture di altissimo standard di qualità, pur chiedendo prezzi nemmeno lontanamente paragonabili a quelli praticati in Italia e in Europa. La scelta si è rivelata giusta e i risultati, non solo quelli economici, ma anche di immagine, sono già visibili e si dimostrano in continua crescita.

Nuove "Vie del Vino" africane
Raccoglitori di uva tra i filari di una vigna locale

Adesso l’Ente nazionale tunisino per il turismo, in ovvio accordo con il ministero del Turismo, ne ha pensata un’altra delle sue: le rotte del vino e della gastronomia, per far scoprire la Tunisia ai golosi, agli eno-gastronauti, a tutti coloro, cioè, che apprezzano i piaceri della buona tavola. “E’ un filone nel quale noi crediamo molto - fa sapere Mehdi Gasmi, vicedirettore della rappresentanza per l’Italia con sede a Milano del turismo tunisino - per questo stiamo studiando la fattibilità di questo nuovo prodotto”. C’è da esserne certi che, adeguatamente seguito, questo diventerà un segmento turistico di eccellenza per la Tunisia.

Già ora, se si prendesse un enologo e lo si portasse in una cantina, senza fargli sapere che si trova in Tunisia, facilmente crederebbe di trovarsi in una struttura della vecchia Europa, in Italia ad esempio. Del resto, gli impianti che vedrebbe e la tecnologia impiegata sono prevalentemente italiani. Se poi dovesse assaggiare, senza vedere l’etichetta, del vino di qualità prodotto in Tunisia, non penserebbe che sia stato prodotto nel Paese nordafricano. E invece tra non molto dovrà cominciare a pensarlo, perché la Tunisia anche in questo settore ha già fatto, seppur silenziosamente, passi da gigante. Silenziosamente, ma non troppo, tanto che da qualche anno, da quando il governo centrale ha voluto liberalizzare questo settore, in Tunisia sono arrivati gruppi privati stranieri che hanno portato la loro conoscenza e insieme ad un partner locale hanno dato vita a cantine-modello.

(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 
Week-end e tempo libero
Sulle tavole torna il Tartufo
Dal 19 ottobre al 16 novembre 2014
Si festeggia Torgnon d'Outon
Dal 31 ottobre al 9 novembre2014
Offerte di viaggio
Trekking, balene e citta' in Canada
Crociera nel Mediterraneo Occidentale
Riposo e benessere tra le Dolomiti
NOTIZIE
19/09/14 - Sport
Sabato 20 settembre a Moena, in Val di Fassa è in programma la Vertical Val dal Vent, un...
19/09/14 - Bambini
Riprendono le attività autunnali del Museo Galileo, a Firenze, con una iniziativa...
19/09/14 - Turismo
Una nuova idea di turismo, che amplia l'offerta tradizionale, è alla base del progetto...
19/09/14 - Arte
Tre ceppi di ancore in piombo di epoca romana, sono stati rinvenuti e recuperati a largo di Torre...
19/09/14 - Città d'arte
Un Protocollo d’intesa tra Lecce e Durazzo è stato siglato, a Palazzo Carafa, dal...
I benefici del Mediterraneo
  Affacciata sul Mediterraneo, arricchita da un clima moderato, tiepido e ventilato, la...
In Alta Badia, cucina d'altura
Si inizia con otto chef provenienti da alcune regioni italiane che propongono le loro ricette a...
A Cannobio con Rocco, il mio amico a quattro zampe
I nostri amici a quattro zampe riempiono in modo assoluto la nostra esistenza! Così decido...
O mia bèla polpetina...
  Tanto tempo fa, un amico milanese invitò Chef Boris a una strana esperienza...
Zanzibar, l'isola dei buongustai
Le rotte marine che conducevano ai porti sicuri di quest'isola al largo della Tanzania, hanno...
Cosa c'è in tavola a Bolzano
I mesi autunnali sono considerati l'alta stagione di Bolzano, uno dei periodi migliori per visitare...
Sapori d'Ungheria sulla tavola di Pasqua
La Pasqua cristiana è ormai prossima e Chef Boris si è trovato a discutere delle...
Nel Vallese, emozioni tra acque e ghiacciai
  Sentirsi liberi, in un ambiente puro, tra cime coperte di neve e boschi verdi, al riparo da...
Molino Stucky, dalla farina a un Cinque Stelle
Quanti dei turisti che affollano quotidianamente Venezia, sono stati sull’isola della...
Tropici nostrani. In attesa dei "bagnanti mutanti"
La Liguria di Ponente era una terra bellissima. Poi si è popolata di seconde case, riempita di...
L'Umbria per #winelovers
Dal 14 al 17 febbraio, amanti del vino e blogger da tutto il mondo si riuniranno a Terni in una...
LIBRI E GUIDE
Cosa vuoi fare da grande di Ivan Baio e Angelo Orlando Meloni, Del Vecchio Editore, pagine 184, Euro 12,00.
Mamma, papà: devo dirvi una cosa di Giovanni e Paola Dall'Orto, Sonda edizioni, pagine 200, Euro 14,00.
TUTTI I DOSSIER
0.96328997612