Gossip
Una bella "Fam-Gita" turca
Arruolato in un Fam-Trip - con mini-soggiorno a Istanbul, sontuosa porta di ingresso dell'Anatolia - organizzato da un non meglio identificato ente turistico, parto per la Turchia, meta finale le cittą di Sanliurfa e Gaziantep, nel sudest del Paese (per meglio intenderci, dalla parte opposta dell'ex Costantinopoli ed ex Bisanzio, al confine con la Siria)
di "El Maestro"
Bisanzio, Costantinopoli, Istanbul: identico fascino
Il fiume Eufrate

La sosta a Istanbul (che ovviamente, vista l’età e i sopralluoghi annoverati, già conoscevo) non mi dispiace. Anche perché è mio copyright l’ardita regoletta turistica (basata sull’antico detto Panta-Rei, tutto scorre) che ogni quarto di secolo una città già visitata e non più rivissuta (e a me accade per la metropoli sul Bosforo) si ri-vergina: è come se fosse nuova; in pratica, chi ci va, più che rivisitarla, la visita come fosse la prima volta. Oltretutto, tornando in un posto, risparmi soldi e tempo di lettura delle solite canoniche non meno che banali guide: sai già dove e cosa sono i siti da raggiungere, sono soltanto cambiati, diversi rispetto ad antan, fosse solo perché nel frattempo se non sono cambiati loro sei cambiato tu che li ispezioni; sei per certo diverso da allora e quindi vedi il mondo con un’altra ottica, cultura, esperienza, appetto a com’eri la volta precedente. Riecco Istanbul, dunque (e fortunatamente alloggiato a due minuti dalla piazza Taksim, centro nevralgico della metropoli quindi comoda “pole position” per girare e vedere) ed ecco pure veloci sensazioni e commenti telegrafici non meno che disordinati.

Caddesi, la via dello shopping "Europeo"
Il minareto di una moschea

Se per Turchia (quella che vuole entrare in Europa) si intendesse la sempre affollata e indaffarata Istiqlal Caddesi, non vi sarebbero problemi per accettare anche i politici di Ankara tra quelli che a Bruxelles tengono appiccicati i vari pezzi del Vecchio Continente. La strada, adesso pedonalizzata, appare davvero assai più bella di quanto mi apparve nella mia precedente, lontana visita, e costituisce un valido biglietto da visita, almeno di Istanbul: diverte farvi lo “struscio”, esibisce bei negozi financo troppo chic e griffati, propone un ameno sferragliante tram turistico. Ma, dirà il perfido, appetto alle vetrine dell’elegante Caddesi c’è una arretrata Turchia contadina e pure qualche eccessivo rigurgito islamico. Epperò, gli risponderà l’ammiratore del Paese di Ataturk (che enorme lavoro fece il “Padre dei Turchi” nel rivoltare il Paese come un calzino, chapeau!) non è che certi angoli bucolici dell’Europa siano poi tanto ricchi ed evoluti, leggasi tanto differenti dalla campagna turca (e sorvoliamo sulla loro malavita).

Le magie paesaggistiche del Corno d'Oro
Sullo sfondo la cupola della Basilica di Santa Sofia a Istanbul

E quanto agli integralismi, meglio proseguire nella rivisitazione di Istanbul lasciando da parte le religioni. Come accaduto a Santa Sofia, trasformata da chiesa in moschea e infine (sempre lui, Kemal Ataturk) in museo. E avendovi scoperto - colmando una ancorché minima ma riconosciuta lacuna - in un angolo del piano superiore la tomba del doge Enrico Dandolo, invito la gentile aficiòn lettrice a documentarsi sulle indegne, squallide e mercantili porcherie perpetrate dai peraltro da me amati Veneziani, in occasione della IV Crociata: ne apprenderanno delle belle. Non rivisito il Caffè di Pierre Loti in fondo al Corno d’Oro, causa l’eccessivo cemento che lo circonda (il tempo stringe e per risparmiarlo occorre accettare quel che ti dicono i ciceroni) vado a percorrere la litorale che conduce al Mar Nero (e ancor più bello del viaggio terrestre con l’autobus dei trasporti urbani sarebbe il trasferimento in battello). Dai magnifici palazzi della opulenta Besiktas dei sultani, si procede per Ortakoy indi a Yenikoy (koy, villaggio) poi a Tarabya. Bei panorami, tanti yacht, i due ponti Asia-Europa, ville, ristoranti e club chic, posti da “sciur”; un altro angolo d’Europa, per certo meglio tenuto di lungomari e porti di... (censura). E con la riconferma che il Topkapi intriga davvero (chi non l’ha visto si affretti a fare un salto a Istanbul, andarci costa più o meno come pizza e birra in centro a Milano) si conclude la mia rimpatriata a Costantinopoli (pardon, son vecchio) Istanbul.

(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 -  - 
Week-end e tempo libero
Pasqua di sport e benessere
Dal 19 al 21 aprile 2014
Tra rose, storie e leggenda
Da Aprile a Novembre (chiuso Luglio e Agosto)
Offerte di viaggio
Il Brasile di Vbrata
In famiglia nella natura siciliana di Lido di Noto
In Sicilia, a due passi dalle spiagge di Scopello
NOTIZIE
16/04/14 - Eventi e mostre
Il 15 aprile dell’anno prossimo, pochi giorni prima dell’apertura di Expo 2015, una...
16/04/14 - Viaggi
Innsbruck ha questo di bello. Ha il fascino storico e le comodità delle grandi capitali...
16/04/14 - Città d'arte
Nella piazza delle armi del Castello Sforzesco, a Milano, dominano la scena da qualche giorno le...
16/04/14 - Turismo
Come organizzare un viaggio in Finlandia? C’è solo l’imbarazzo della scelta....
16/04/14 - Turismo
Il cinema e le fiction tv rappresentano un ottimo veicolo di promozione territoriale. Lo ha capito...
Los Haitises, un paradiso per l'isola dei famosi
Per 1600 chilometri si estende lungo la costa nord est della Repubblica Dominicana. Il governo lo...
Alfredo Jaar, arte e denuncia
Ha un respiro internazionale la stagione espositiva aperta a Milano con il primo progetto pubblico...
Turismo, nuovi mercati tra gli over 50
Sono e saranno sempre più numerosi i viaggiatori con i capelli bianchi tra i turisti italiani. La...
Cresce l'Italia dei congressi
Il mercato congressuale italiano lancia segnali positivi. Aumenta il volume d'affari: sempre più...
Vicende mica tanto allegre del Turismo italico
1. Gli albergatori fregano i Tour Operator (ma non mi dica! È però 'una vita' che...
Belluno, Venezia e Chioggia: "Etilometrica" gita veneta
Alla vigilia di una intrigante non meno che lunga trasferta in Messico ed Ecuador, che mi...
Alla Fitur di Madrid
Nata 31 anni fa nelle precarie strutture della Casa de Campo, a sud di Madrid, battuta dal gelido...
Castilla y Leon (Valladolid e il suo aeroporto). A zonzo...
Laddove lo scrivano e il co-èquipier Sergio si separano (peraltro si erano uniti soltanto per meri ...
Il turismo va in buca, ma galleggia
Via libera al disegno di legge sul turismo sportivo proposto dal Ministro del Turismo Michela...
Gli Oscar dell'ospitalità italiana
10 dicembre - Gli spazi della Venaria Reale, in provincia di Torino, ospiteranno giovedì 18...
Il teorema del centesimo mancante
Con l’inizio di luglio ognuno di noi si trova a intraprendere un estenuante viaggio...
LIBRI E GUIDE
Cecilia di Linda Ferri, Edizioni E/O, pagine 290, Euro 18,00.
Di Buon PassoA piedi lungo i sentieri del Medioevodi Andrea Bocconi, Biblioteca della Fenice, Ugo Guanda Editore,
TUTTI I DOSSIER
2.5481820106506