Venerdì 1 Agosto 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Gossip
Una bella "Fam-Gita" turca
Arruolato in un Fam-Trip - con mini-soggiorno a Istanbul, sontuosa porta di ingresso dell'Anatolia - organizzato da un non meglio identificato ente turistico, parto per la Turchia, meta finale le citt di Sanliurfa e Gaziantep, nel sudest del Paese (per meglio intenderci, dalla parte opposta dell'ex Costantinopoli ed ex Bisanzio, al confine con la Siria)
di "El Maestro"
Bisanzio, Costantinopoli, Istanbul: identico fascino
Il fiume Eufrate

La sosta a Istanbul (che ovviamente, vista l’età e i sopralluoghi annoverati, già conoscevo) non mi dispiace. Anche perché è mio copyright l’ardita regoletta turistica (basata sull’antico detto Panta-Rei, tutto scorre) che ogni quarto di secolo una città già visitata e non più rivissuta (e a me accade per la metropoli sul Bosforo) si ri-vergina: è come se fosse nuova; in pratica, chi ci va, più che rivisitarla, la visita come fosse la prima volta. Oltretutto, tornando in un posto, risparmi soldi e tempo di lettura delle solite canoniche non meno che banali guide: sai già dove e cosa sono i siti da raggiungere, sono soltanto cambiati, diversi rispetto ad antan, fosse solo perché nel frattempo se non sono cambiati loro sei cambiato tu che li ispezioni; sei per certo diverso da allora e quindi vedi il mondo con un’altra ottica, cultura, esperienza, appetto a com’eri la volta precedente. Riecco Istanbul, dunque (e fortunatamente alloggiato a due minuti dalla piazza Taksim, centro nevralgico della metropoli quindi comoda “pole position” per girare e vedere) ed ecco pure veloci sensazioni e commenti telegrafici non meno che disordinati.

Caddesi, la via dello shopping "Europeo"
Il minareto di una moschea

Se per Turchia (quella che vuole entrare in Europa) si intendesse la sempre affollata e indaffarata Istiqlal Caddesi, non vi sarebbero problemi per accettare anche i politici di Ankara tra quelli che a Bruxelles tengono appiccicati i vari pezzi del Vecchio Continente. La strada, adesso pedonalizzata, appare davvero assai più bella di quanto mi apparve nella mia precedente, lontana visita, e costituisce un valido biglietto da visita, almeno di Istanbul: diverte farvi lo “struscio”, esibisce bei negozi financo troppo chic e griffati, propone un ameno sferragliante tram turistico. Ma, dirà il perfido, appetto alle vetrine dell’elegante Caddesi c’è una arretrata Turchia contadina e pure qualche eccessivo rigurgito islamico. Epperò, gli risponderà l’ammiratore del Paese di Ataturk (che enorme lavoro fece il “Padre dei Turchi” nel rivoltare il Paese come un calzino, chapeau!) non è che certi angoli bucolici dell’Europa siano poi tanto ricchi ed evoluti, leggasi tanto differenti dalla campagna turca (e sorvoliamo sulla loro malavita).

Le magie paesaggistiche del Corno d'Oro
Sullo sfondo la cupola della Basilica di Santa Sofia a Istanbul

E quanto agli integralismi, meglio proseguire nella rivisitazione di Istanbul lasciando da parte le religioni. Come accaduto a Santa Sofia, trasformata da chiesa in moschea e infine (sempre lui, Kemal Ataturk) in museo. E avendovi scoperto - colmando una ancorché minima ma riconosciuta lacuna - in un angolo del piano superiore la tomba del doge Enrico Dandolo, invito la gentile aficiòn lettrice a documentarsi sulle indegne, squallide e mercantili porcherie perpetrate dai peraltro da me amati Veneziani, in occasione della IV Crociata: ne apprenderanno delle belle. Non rivisito il Caffè di Pierre Loti in fondo al Corno d’Oro, causa l’eccessivo cemento che lo circonda (il tempo stringe e per risparmiarlo occorre accettare quel che ti dicono i ciceroni) vado a percorrere la litorale che conduce al Mar Nero (e ancor più bello del viaggio terrestre con l’autobus dei trasporti urbani sarebbe il trasferimento in battello). Dai magnifici palazzi della opulenta Besiktas dei sultani, si procede per Ortakoy indi a Yenikoy (koy, villaggio) poi a Tarabya. Bei panorami, tanti yacht, i due ponti Asia-Europa, ville, ristoranti e club chic, posti da “sciur”; un altro angolo d’Europa, per certo meglio tenuto di lungomari e porti di... (censura). E con la riconferma che il Topkapi intriga davvero (chi non l’ha visto si affretti a fare un salto a Istanbul, andarci costa più o meno come pizza e birra in centro a Milano) si conclude la mia rimpatriata a Costantinopoli (pardon, son vecchio) Istanbul.

(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 
Week-end e tempo libero
Adolphe Sax in mostra
Dall'8 febbraio 2014 all'11 gennaio 2015
Giardini in fiore
Dal 29 marzo al 31 ottobre 2014
Offerte di viaggio
Alla scoperta del Botswana
Calabria: mare e relax in famiglia
Viaggio Missionario del Sorriso
NOTIZIE
01/08/14 - Turismo
Catania entra, per la prima volta, nella top twenty dei luoghi del cuore per gli stranieri, secondo...
31/07/14 - Gastronomia
Il 4 e il 5 agosto l’appuntamento è con il piatto forte del Tacco d’Italia da...
31/07/14 - Bambini
Cambiare il pannolino a un neonato quando si è in vacanza, nelle destinazioni italiane,...
31/07/14 - Ospitalità
Borgorocchetta.com è il sito web che presenta il nuovo albergo diffuso ad Acquasanta Terme,...
30/07/14 - Turismo
"Ringrazio il Presidente Renzi e il Ministro Franceschini per la fiducia accordatami. Sono onorato...
Mondiale di Calcio. Mettiamoci una pietra sopra...
* A Milano davanti a un negozio di prodotti del Sudafrica, 150 metri di coda per acquistare...
Effetto crisi. Più viaggi organizzati e mete italiane
I dati di mercato del 2009 sul modo di fare vacanza degli italiani riservano qualche sorpresa....
Miniguida dei 192 Paesi membri dell'ONU: Micronesia-Suriname
Stati Federati della Micronesia - Ohibò, un posto dal nome che finisce con...
Natale a Firenze con i bambini
  Se il Natale è un periodo magico dell’anno nel quale le luminarie decorano le...
Paesi Baschi: passioni del palato. Le "Sociedades...
Con quella catalana (Ferran Adrià e il suo ormai mitico ristorante El Bulli a Roses, e Santi...
Luce su Giorgione
L'evento dell’anno, per Castelfranco Veneto e gli amanti del Rinascimento, si chiama...
Alitalia-Etihad. Da "cose turche" a "cose arabe"
Info - A proposito di Alitalia e del suo “salvataggio” (solita storia da 60 anni, e...
Turismo gay, più vitale che mai
“Le imprese turistiche hanno due possibili strade: soccombere alla crisi o avere il coraggio...
Apologia del "Prosciutto"
Talvolta la cinematografia si abbina alla gastronomia: memorabile La Grande Bouffe (La grande...
Spigolando tra turismo e dintorni. Sapevate che...
4 novembre - Sapevate che... Veltroni è il miglior tour operator italiano (e la viceministra del...
Buon compleanno, tzi!
Tanto per cominciare, ha più di un nome. Il primo è stato "Uomo del Similun" che è poi il...
LIBRI E GUIDE
I grandi miti della psicologia popolare di Lilienfeld S.O., Lynn S.J., Ruscio J., Beyerstein B.L., Raffaello Cortina Editore, pagine 392, Euro 26,00.
Il bambino scambiato di Kenzaburo Oe, Garzanti, pagine 448, Euro 24.00.
TUTTI I DOSSIER
1.159600019455