Martedì 2 Settembre 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Gossip
Una bella "Fam-Gita" turca
Arruolato in un Fam-Trip - con mini-soggiorno a Istanbul, sontuosa porta di ingresso dell'Anatolia - organizzato da un non meglio identificato ente turistico, parto per la Turchia, meta finale le citt di Sanliurfa e Gaziantep, nel sudest del Paese (per meglio intenderci, dalla parte opposta dell'ex Costantinopoli ed ex Bisanzio, al confine con la Siria)
di "El Maestro"
Bisanzio, Costantinopoli, Istanbul: identico fascino
Il fiume Eufrate

La sosta a Istanbul (che ovviamente, vista l’età e i sopralluoghi annoverati, già conoscevo) non mi dispiace. Anche perché è mio copyright l’ardita regoletta turistica (basata sull’antico detto Panta-Rei, tutto scorre) che ogni quarto di secolo una città già visitata e non più rivissuta (e a me accade per la metropoli sul Bosforo) si ri-vergina: è come se fosse nuova; in pratica, chi ci va, più che rivisitarla, la visita come fosse la prima volta. Oltretutto, tornando in un posto, risparmi soldi e tempo di lettura delle solite canoniche non meno che banali guide: sai già dove e cosa sono i siti da raggiungere, sono soltanto cambiati, diversi rispetto ad antan, fosse solo perché nel frattempo se non sono cambiati loro sei cambiato tu che li ispezioni; sei per certo diverso da allora e quindi vedi il mondo con un’altra ottica, cultura, esperienza, appetto a com’eri la volta precedente. Riecco Istanbul, dunque (e fortunatamente alloggiato a due minuti dalla piazza Taksim, centro nevralgico della metropoli quindi comoda “pole position” per girare e vedere) ed ecco pure veloci sensazioni e commenti telegrafici non meno che disordinati.

Caddesi, la via dello shopping "Europeo"
Il minareto di una moschea

Se per Turchia (quella che vuole entrare in Europa) si intendesse la sempre affollata e indaffarata Istiqlal Caddesi, non vi sarebbero problemi per accettare anche i politici di Ankara tra quelli che a Bruxelles tengono appiccicati i vari pezzi del Vecchio Continente. La strada, adesso pedonalizzata, appare davvero assai più bella di quanto mi apparve nella mia precedente, lontana visita, e costituisce un valido biglietto da visita, almeno di Istanbul: diverte farvi lo “struscio”, esibisce bei negozi financo troppo chic e griffati, propone un ameno sferragliante tram turistico. Ma, dirà il perfido, appetto alle vetrine dell’elegante Caddesi c’è una arretrata Turchia contadina e pure qualche eccessivo rigurgito islamico. Epperò, gli risponderà l’ammiratore del Paese di Ataturk (che enorme lavoro fece il “Padre dei Turchi” nel rivoltare il Paese come un calzino, chapeau!) non è che certi angoli bucolici dell’Europa siano poi tanto ricchi ed evoluti, leggasi tanto differenti dalla campagna turca (e sorvoliamo sulla loro malavita).

Le magie paesaggistiche del Corno d'Oro
Sullo sfondo la cupola della Basilica di Santa Sofia a Istanbul

E quanto agli integralismi, meglio proseguire nella rivisitazione di Istanbul lasciando da parte le religioni. Come accaduto a Santa Sofia, trasformata da chiesa in moschea e infine (sempre lui, Kemal Ataturk) in museo. E avendovi scoperto - colmando una ancorché minima ma riconosciuta lacuna - in un angolo del piano superiore la tomba del doge Enrico Dandolo, invito la gentile aficiòn lettrice a documentarsi sulle indegne, squallide e mercantili porcherie perpetrate dai peraltro da me amati Veneziani, in occasione della IV Crociata: ne apprenderanno delle belle. Non rivisito il Caffè di Pierre Loti in fondo al Corno d’Oro, causa l’eccessivo cemento che lo circonda (il tempo stringe e per risparmiarlo occorre accettare quel che ti dicono i ciceroni) vado a percorrere la litorale che conduce al Mar Nero (e ancor più bello del viaggio terrestre con l’autobus dei trasporti urbani sarebbe il trasferimento in battello). Dai magnifici palazzi della opulenta Besiktas dei sultani, si procede per Ortakoy indi a Yenikoy (koy, villaggio) poi a Tarabya. Bei panorami, tanti yacht, i due ponti Asia-Europa, ville, ristoranti e club chic, posti da “sciur”; un altro angolo d’Europa, per certo meglio tenuto di lungomari e porti di... (censura). E con la riconferma che il Topkapi intriga davvero (chi non l’ha visto si affretti a fare un salto a Istanbul, andarci costa più o meno come pizza e birra in centro a Milano) si conclude la mia rimpatriata a Costantinopoli (pardon, son vecchio) Istanbul.

(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 
Week-end e tempo libero
Golf e relax sul lago di Como
1 marzo - 30 ottobre 2014
Un nuovo Artelibro
Dal 18 al 21 settembre 2014
Offerte di viaggio
Crociera alle Bahamas
Iran: la strada persiana dei re
Costa Rica, Nicaragua, Panama: El Mundo Verde
NOTIZIE
02/09/14 - Animali
Tutti i giorni fino al 15 settembre, dalle ore 10 alle ore 17, gli esperti dell’Acquario di...
02/09/14 - Consumi
"Alberghi fatiscenti, sovrapprezzi non previsti, smarrimento dei bagagli e ritardi nei voli: sono...
02/09/14 - Mercati
Secondo l’Hotel Price Index di Hotels.com, il prezzo medio pagato per una camera...
02/09/14 - Mobilità dolce
Saranno 33 le città coinvolte nell'undicesima edizione della Giornata nazionale del Trekking...
02/09/14 - Alberghi
Il nuovo Ibis Adelaide ha aperto al pubblico dopo un'opera di ristrutturazione da 65 milioni di...
Meduse, le nuove ospiti dell'acquario
L'Acquario di Genova apre la nuova sala delle meduse. Nove vasche, una superficie di 70 metri...
I "puffi" di Alitalia. Sapevate che...
Sapevate che... A proposito di Alitalia, Mondointasca Gossip aveva (stranamente e pure doppiamente)...
Il consumatore del futuro è qui
Risulta in crescita il trend degli acquisti “multicanale”, realizzati dopo la ricerca...
Sorpresa Uruguay
Nella precedente e prima chiacchierata ho spiegato perché da sempre mi ha intrigato –...
Firenze, capitale scientifica del XIX secolo
Quattro mostre aperte dal mese di novembre a Firenze rilanciano il grande patrimonio dei musei...
Il bagaglio ora ha il Chip. Sapevate che...
Sapevate che... Quando la ministro/a del Turismo Brambilla fa qualcosa di buono (mica sempre, ma va...
Spigolando sotto la Madonnina. Sapevate che ...
Sapevate che … Sapessi quant’è vano, parlare di turismo a Milano …? Mica...
Dilemma a Milano tra posteggio e posteggiatrici
Sapevate che... Tornato da una bella gita in India e Maldive l’umile tenutario di questa ...
Scapigliati prima delle avanguardie
Alla Scapigliatura, nelle arti visive e letterarie, è dedicata parte della stagione...
Arte contemporanea targata Mi-To
Dopo la rassegna MiTo-Settembre Musica, Milano e Torino uniscono le forze per promuove stavolta...
Omaggio svizzero agli atleti di Zeus
Sino a Mendrisio per tornare nella nobile cornice dell'arte greca. Il Ticino coglie l'occasione dei...
LIBRI E GUIDE
Io sono un mito di Francesca Bonazzoli, Michele Robecchi, Electa, pagine 144, illustrazioni 175, Euro 19,90.
Cosa vuoi fare da grande di Ivan Baio e Angelo Orlando Meloni, Del Vecchio Editore, pagine 184, Euro 12,00.
TUTTI I DOSSIER
1.2241640090942