Mercoledì 26 Novembre 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Paesi lontani
Montevideo, affacciata sul "fiume-mare"
Quasi "schiacciato" tra gli estesissimi Brasile e Argentina, il piccolo Uruguay "" la sua bella capitale, orgogliosa delle proprie radici europee, dello stile di vita e della cultura che l'animano, in perenne competizione con l'immensa Baires, di l dal fiume
di Marta Amico

Montevideo, citt balneare con lunghe spiagge di sabbia chiara

L’enorme estuario del Rio de la Plata, a Montevideo si confonde con il mare. L’arrivo al mattino presto con uno dei numerosissimi battelli che lo attraversano, collegando in tre ore la capitale uruguayana con la vicina Buenos Aires, è un’esperienza sorprendente. La portata d’acqua è gigantesca, l’orizzonte è piatto e increspato da placide onde. Non fosse per il colore decisamente tendente al marrone, si stenta a credere che l’acqua che ci trasporta è un fiume e che al di là di esso si estenda l’Argentina. Una rapida verifica, un assaggio fresco e mattutino: il Rio pare salato! Si, perché in realtà il suo bacino è un estuario formato dai fiumi Uruguay e Paranà, una rientranza di dimensioni sbalorditive nella parte orientale dell’America Latina, lunga duecentonovanta chilometri e larga fino a duecentoventi, nell’abbraccio con l’Atlantico. Montevideo si colloca non lontano dal definitivo sbocco oceanico dell’enorme fiume che gli uruguayani si divertono a chiamare “Mar”. Non hanno torto. La città è decisamente balneare, con numerose e lunghe spiagge di sabbia chiara, come Pocitos, Malvin o Punta Gorda, affollate di bagnanti e di club nelle lunghe estati calde.

Felice isola europea
Un'altra immagine del grande "fiume-mare" di Montivideo

Un colpo d’occhio alla cartina rivela alcune coordinate importanti per capire la città. Montevideo è capitale di un paese che è il secondo più piccolo dell’America Latina, con una superficie che è poco più della metà di quella italiana. Un fazzoletto di terra incastonato in mezzo a giganti quali l’Argentina e il Brasile. La capitale uruguayana, con il suo milione e più di persone, pare a questa latitudine una modesta cittadina. Le dimensioni contenute, secondo i parametri sudamericani, la rendono spiccatamente europea, relativamente pulita, sicura, facile da girare e da capire, con il suo centro storico ricco e interessante, la via dei commerci, il mare, pardon, il “Rio” con numerose spiagge balneari. Statistiche alla mano, qui c’è la miglior qualità di vita di tutto il Sud America, il più alto grado di scolarizzazione, la maggior sicurezza. Anche se non esente da problemi di ordine politico-finanziario, ancora memore di una pesante dittatura negli anni Settanta, seguita da numerosi dissesti causati da un’inflazione galoppante e da politiche instabili da parte dei vari governi, Montevideo rappresenta per certi versi un’isola felice nel cuore di un’area densa di contraddizioni, di povertà, di dipendenza economico-culturale.

Figlia del Rio della Plata
Plaza de Indipendencia, la piazza centrale della citt

Per farsi un’idea d’insieme della città si può salire al Monte Cerro, percorrendo una stretta strada periferica che costeggia quartieri piuttosto fatiscenti che ricordano, anche se in scala molto ridotta, le tristi condizioni di indigenza di molte metropoli sudamericane. Dal culmine del monte, alto solamente centotrentadue metri, si dominano i diversi quartieri di Montevideo, le campagne piatte e poco popolate che la circondano, il porto sul Rio che si confonde col mare, per la mancanza dell’altra sponda, troppo lontana per essere vista ad occhio nudo. Dal Cerro si staglia con nettezza la linea tracciata dall’Avenida 18 de Julio, arteria principale della città, animata da un incessante viavai di lavoratori e studenti, molti negozi, uffici e ristoranti. La via culmina nella piazza centrale, Plaza de Indipendencia, con la statua di José Gervasio Artigas, importante fautore dell’indipendenza uruguayana.

(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 3 - 
Week-end e tempo libero
Tour da Oscar
Valido fino a Dicembre 2014
Tra rose, storie e leggenda
Da Aprile a Novembre (chiuso Luglio e Agosto)
Offerte di viaggio
Capodanno da favola a New York
Grantour della Turchia
L'isola del cioccolato
NOTIZIE
26/11/14 - Fiere
Dal 29 novembre al 8 dicembre 2014 torna come ogni anno l’Artigiano in Fiera a Milano,...
25/11/14 - Neve
“La Montagna Amica” è il progetto promosso da Artesina, la stazione sciistica...
25/11/14 - Enogastronomia
Vito Intini, 57 anni dirigente industriale milanese,  è il nuovo presidente di ONAV,...
25/11/14 - News e servizi
La Israel Antiquities Authority ha recentemente creato il sito web National Treasures...
25/11/14 - Trasporti
Qatar Airways propone ai suoi passeggeri che viaggiano dall’Italia l’offerta...
"Marvellous" Melbourne
Helen Porter Armstrong (1861-1931) aveva una voce magnifica. Un soprano che, in tournée...
Cappadocia, il cammino delle fate
  L’antico passaggio tra Occidente ed Oriente è diviso da una vena d’acqua....
Impressioni maltesi
Nell'isola al centro del Mediterraneo, alle porte dell'Africa, la lingua più parlata è l'inglese,...
In Corea ripensando alla Cena dei Ricordi
  La mè sciura (mia moglie in milanès e first sciura, in anglo/milanès,...
Giordania Verde. Mare, rocce e deserti del sud
Il Regno di Giordania non è molto esteso. Le zone più densamente popolate si trovano...
Wellness e speleologia a Zilina
Il viaggio di Mondointasca alla scoperta della Regione Autonoma di ilina continua nella zona di...
A Pasqua scopri il "Kraslice" e la "Pomlazka"
Collocata a cavallo tra il mondo cattolico e quello protestante, la Repubblica Ceca ha una profonda...
Mauritius, autunno sull'oceano
Appena tornati dalle ferie, che ne dite di riprogrammare qualche giorno di vacanza in autunno a...
Il Salento tra riti, storia e tradizioni
Il Salento è quella parte della Puglia che si trova tra due mari: l’Adriatico, a Est e...
Maldive le "famosissime" isole dei sogni
  Non so voi, ma io ho voglia di andare al mare. Data la nostra stagione invernale,...
Bali, l'isola degli Dei
È paradossale che il terrorismo sia arrivato a colpire uno dei popoli più miti del mondo. Dove,...
LIBRI E GUIDE
Càneve e spelònce a cura di Marco Rech, Serena Turrin, edito da DBS Zanetti, pagine 190, Euro 10,00.
Cosa vuoi fare da grande di Ivan Baio e Angelo Orlando Meloni, Del Vecchio Editore, pagine 184, Euro 12,00.
TUTTI I DOSSIER
1.2650589942932