Paesi lontani
Montevideo, affacciata sul "fiume-mare"
Quasi "schiacciato" tra gli estesissimi Brasile e Argentina, il piccolo Uruguay "č" la sua bella capitale, orgogliosa delle proprie radici europee, dello stile di vita e della cultura che l'animano, in perenne competizione con l'immensa Baires, di lā dal fiume
di Marta Amico

Montevideo, cittā balneare con lunghe spiagge di sabbia chiara

L’enorme estuario del Rio de la Plata, a Montevideo si confonde con il mare. L’arrivo al mattino presto con uno dei numerosissimi battelli che lo attraversano, collegando in tre ore la capitale uruguayana con la vicina Buenos Aires, è un’esperienza sorprendente. La portata d’acqua è gigantesca, l’orizzonte è piatto e increspato da placide onde. Non fosse per il colore decisamente tendente al marrone, si stenta a credere che l’acqua che ci trasporta è un fiume e che al di là di esso si estenda l’Argentina. Una rapida verifica, un assaggio fresco e mattutino: il Rio pare salato! Si, perché in realtà il suo bacino è un estuario formato dai fiumi Uruguay e Paranà, una rientranza di dimensioni sbalorditive nella parte orientale dell’America Latina, lunga duecentonovanta chilometri e larga fino a duecentoventi, nell’abbraccio con l’Atlantico. Montevideo si colloca non lontano dal definitivo sbocco oceanico dell’enorme fiume che gli uruguayani si divertono a chiamare “Mar”. Non hanno torto. La città è decisamente balneare, con numerose e lunghe spiagge di sabbia chiara, come Pocitos, Malvin o Punta Gorda, affollate di bagnanti e di club nelle lunghe estati calde.

Felice isola europea
Un'altra immagine del grande "fiume-mare" di Montivideo

Un colpo d’occhio alla cartina rivela alcune coordinate importanti per capire la città. Montevideo è capitale di un paese che è il secondo più piccolo dell’America Latina, con una superficie che è poco più della metà di quella italiana. Un fazzoletto di terra incastonato in mezzo a giganti quali l’Argentina e il Brasile. La capitale uruguayana, con il suo milione e più di persone, pare a questa latitudine una modesta cittadina. Le dimensioni contenute, secondo i parametri sudamericani, la rendono spiccatamente europea, relativamente pulita, sicura, facile da girare e da capire, con il suo centro storico ricco e interessante, la via dei commerci, il mare, pardon, il “Rio” con numerose spiagge balneari. Statistiche alla mano, qui c’è la miglior qualità di vita di tutto il Sud America, il più alto grado di scolarizzazione, la maggior sicurezza. Anche se non esente da problemi di ordine politico-finanziario, ancora memore di una pesante dittatura negli anni Settanta, seguita da numerosi dissesti causati da un’inflazione galoppante e da politiche instabili da parte dei vari governi, Montevideo rappresenta per certi versi un’isola felice nel cuore di un’area densa di contraddizioni, di povertà, di dipendenza economico-culturale.

Figlia del Rio della Plata
Plaza de Indipendencia, la piazza centrale della cittā

Per farsi un’idea d’insieme della città si può salire al Monte Cerro, percorrendo una stretta strada periferica che costeggia quartieri piuttosto fatiscenti che ricordano, anche se in scala molto ridotta, le tristi condizioni di indigenza di molte metropoli sudamericane. Dal culmine del monte, alto solamente centotrentadue metri, si dominano i diversi quartieri di Montevideo, le campagne piatte e poco popolate che la circondano, il porto sul Rio che si confonde col mare, per la mancanza dell’altra sponda, troppo lontana per essere vista ad occhio nudo. Dal Cerro si staglia con nettezza la linea tracciata dall’Avenida 18 de Julio, arteria principale della città, animata da un incessante viavai di lavoratori e studenti, molti negozi, uffici e ristoranti. La via culmina nella piazza centrale, Plaza de Indipendencia, con la statua di José Gervasio Artigas, importante fautore dell’indipendenza uruguayana.

(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 -  - 3 - 
Week-end e tempo libero
Lo spirito del pianeta
Dal 30 maggio al 15 giugno 2014
Il cammino del perdono
25 gennaio, 13 e 26 aprile, 11 e 25 maggio
Offerte di viaggio
Minitour storico e archeologico in Israele
Self drive in moto lungo la Route 66
In famiglia nella natura siciliana di Lido di Noto
NOTIZIE
16/04/14 - Eventi e mostre
Il 15 aprile dell’anno prossimo, pochi giorni prima dell’apertura di Expo 2015, una...
16/04/14 - Viaggi
Innsbruck ha questo di bello. Ha il fascino storico e le comodità delle grandi capitali...
16/04/14 - Città d'arte
Nella piazza delle armi del Castello Sforzesco, a Milano, dominano la scena da qualche giorno le...
16/04/14 - Turismo
Come organizzare un viaggio in Finlandia? C’è solo l’imbarazzo della scelta....
16/04/14 - Turismo
Il cinema e le fiction tv rappresentano un ottimo veicolo di promozione territoriale. Lo ha capito...
Marsiglia: sapori e accoglienza Mediterranee
La città ha molti profumi che si trasferiscono anche nella sua cucina: arrivano dal Nord...
Maison de Provence
  Colori del tramonto, flute imperlati, amuse bouche pronti nei vassoi… Jean Michel...
Ancona: architettura e cucina
  Ci sono delle città nella provincia italiana che sorprendono il visitatore con un...
Cheju, l'isola coreana della "luna di miele"
Il breve volo dalla cittadina di Mokp'o, nell'estremo sud ovest della penisola coreana, a Cheju,...
Zara, la città dalle porte senza serratura
L'Unione Europea vuole collegamenti moderni, strade e autostrade che permettano di raggiungere...
Masi e relax. Binomio perfetto
Soggiornare per qualche giorno negli antichi masi altoatesini 'Gallo Rosso' è come sfogliare...
Transilvania graffiti. Una stilografica nel pollice
La sensazione che ci fosse qualcosa di strano, o almeno di inusuale, Roberto l’aveva avuta...
Le isole greche del Mar Ionio
Erikoussa, Othoni, Mathrakì, Paxì, Andipaxì, Skorpios, Madourì, Meganìssi, Arkoudi, Kàlamos,...
Maremma grossetana
Se il mare pluridecorato di Castiglione della Pescaia, che da anni conquista i più alti...
A Carpi per non dimenticare
Insospettabile centro di cultura la piccola Carpi, uno dei poli italiani del tessile e...
Valli di Comacchio, create dal Po e dal mare
È una piacevole sorpresa ritrovarsi in un ambiente così diverso. Diverso dalle vicine...
LIBRI E GUIDE
Ricettario della cucina regionale italianaGuida Touring - Accademia Italiana della Cucina, 2001. Euro 24,79
Turisti per cacio di Laura Rangoni, Newton Compton Editori, pagine 512, Euro 22,90.
TUTTI I DOSSIER
2.2177021503448