Martedì 19 Settembre 2017 - Anno XV
Percorso cicloturistico Valle d'Itria

Percorso cicloturistico Valle d'Itria

Nel turismo la Puglia è regina del Sud

Buone performance di reputazione raggiunte nell’attività di valorizzazione delle destinazioni attraverso il portale istituzionale e i social. La Puglia resta la Cenerentola nelle strutture ricettive e nella qualità dei servizi

Puglia Castel del Monte

Castel del Monte

La Puglia nel settore del turismo è la “Regina del Sud” tanto da essere stata scelta come sede per la presentazione del report sulla reputazione turistica on line condotto da Demoskopika, che a Lecce, nell’ex Convitto Palmieri, in anteprima nazionale ha reso noti dati e studi sul turismo on line di tutte le regioni italiane. La Puglia, nella rosa delle dieci della classifica generale, è “Regina del Sud”, con la maggiore reputazione turistica del Mezzogiorno. Sul risultato della destinazione pugliese hanno pesato le buone perfomance legate alle attività di content marketing messe in campo per valorizzare la visibilità e la notorietà del portale istituzionale sul turismo e il significativo livello di fiducia dei viaggiatori sulla destinazione. Ottime le performance ottenute: il portale istituzionale, attesta la Puglia al terzo posto nella classifica nazionale con 52,4 punti; le reti social (Facebook e Twitter) la vedono nella classifica Facebook ottava con 29,9 punti e settima nella classifica Twitter con 46,7. Il posizionamento on line delle destinazioni, premia la Puglia assegnando un quarto posto con 91,3 punti; mentre l’apprezzamento dell’offerta ricettiva per destinazione su Tripadvisor, la pone all’ottavo posto con 36,5 punti.

Puglia, 0pportunità e rischi del web. Attenti a non cadere nella ‘rete’

Puglia La-spiaggia-di-ugento

La spiaggia di Ugento

A penalizzare la Puglia il dato relativo all’indicatore calcolato su Booking riguardo la valutazione dei turisti online sulle strutture ricettive, che la vede ultima. Il dato di Demoskopika relativo all’indicatore calcolato su Booking riguarda ovviamente solo un campione di strutture ma conferma, la strategia regionale, di puntare sulla qualità dei servizi dell’ospitalità. D’altra parte il passa parola è importante e l’immagine positiva sul web orienta sempre più le scelte dei visitatori. Si è “percepiti” per qualità, non solo grazie all’offerta turistica unica come i paesaggi, la cultura e la enogastronomia pugliese, ma anche e soprattutto per i servizi che si offrono. Con il piano in “Puglia 365”, l’agenzia regionale Pugliapromozione ha avviato un progetto con Travel Appeal, ricorda l’assessore regionale Loredana Capone, proprio sulle strutture ricettive e la loro reputazione sul web. Un modo che consente di monitorare la soddisfazione dei turisti/clienti e di aiutare gli operatori ad avere consapevolezza dell’arma a doppio taglio che è il web e della necessità di adeguare servizi e prezzi. Uno strumento utile per migliorare la qualità dell’offerta complessiva.

Investire nella reputazione e nel brand

Puglia turisti a lecce

Turisti a Lecce

“La rapidità dell’evoluzione della reputazione – ha aggiunto il sottosegretario al Turismo Dorina Bianchi commentando i risultati del Regional Tourism Reputation Index di Demoskopika – richiede una corretta e continuativa osservazione degli scenari e dei fattori determinanti, al fine di orientare con tempestività le decisioni e le strategie tattiche da parte di tutti gli attori coinvolti, sia pubblici che privati. Il Piano Strategico del Turismo per l’Italia punta ad utilizzare efficacemente gli strumenti digitali, essendo la rete determinante nella fase di ispirazione, pianificazione e fruizione del viaggio. Investire costantemente nella costruzione della reputazione del brand e delle diverse destinazioni regionali produce l’indubbio vantaggio di aumentare la redditività, la crescita del settore e di aiutare le imprese ad aumentare la loro competitività”.

Leggi anche:

Il turismo pugliese va in scena alla Fiera del Levante

Il turismo cresce in Italia e nel mondo

Ippovia Romea Germanica dei pellegrini da Cortona a Roma

© RIPRODUZIONE RISERVATA