Lunedì 24 Luglio 2017 - Anno XV
(Foto Gian Mattia D'Alberto)

(Foto Gian Mattia D'Alberto)

Giro d’Italia una storia lunga un secolo

Domani 5 maggio prende il via il Giro d’Italia. 21 tappe che attraversano la nostra penisola. La storia della Corsa Rosa inizia il 13 maggio del 1909, 107 anni fa. Una storia sportiva che racconta la storia d’Italia. Il mitico Tappone alpino: Stelvio, Gaia, Mortirolo. A Canazei il celebre Trofeo “Senza fine”.

Giro d'Italia Coppi-e-Bartali

Gli eterni rivali: Coppi e Bartali

Quest’anno il Giro d’Italia compie 100 anni. Una storia popolare che è dentro a ognuno di noi, radicata nell’immaginario del paese. I meno giovani ricordano i filmati, le foto in bianco e nero, le epiche lotte tra le squadre sulle strade di montagna. La rivalità, passata alla storia, di campioni come Coppi e Bartali. Poi dal bianco e nero delle immagini delle foto e della televisione si è passati al colore con le maglie sgargianti con le volate di Pantani e i record di Cipollini.
Era il 13 maggio del 1909, 107 anni fa, la prima edizione della “Corsa Rosa” con partenza da Milano: percorso 2447,9 km, sei squadre, 127 corridori. Come è stato scritto, il vero protagonista del Giro d’Italia è il Giro stesso, capace di farsi momento di aggregazione e simbolo di unità. La Corsa Rosa per anni ha raccontato una storia sportiva e attraverso di essa la storia d’Italia dei suoi luoghi e delle sue bellezze.

Giro d’Italia 2017. Lombardia e Trentino

Giro d'Italia Presentazione-a-Milano-della-tappa-lombarda-del-Giro

La tappa della Lombardia del Giro d’Italia presentata alla stampa

In occasione dei 100 anni sono molte le iniziative che sono state messe in campo. Domani 5 maggio il via con la prima tappa. Partenza da Alghero-Olbia di 206 km. Il percorso con tutte le tappe su www.giroditalia.it/it/percorso. Il Giro può essere una occasione per seguire la gara e i propri beniamini, ma è anche un’opportunità per visitare le località attraversate dalla corsa. La Lombardia è pronta ad accogliere gli appassionati di ciclismo. Il 23 maggio, da Rovetta (BG) a Bormio si corre la 16^ tappa di 227 km e un dislivello di 5.400 m. Il mitico Tappone Alpino: Stelvio, Gavia, Mortirolo, sono nella lista dei desideri di tanti ciclisti. Questo percorso da fine maggio sarà accessibile a tutti, professionisti e amatori. Dopo il Giro, la stagione ciclistica a Bormio prende il via con la Gran Fondo Stelvio Santini, il Tour Transalp, la Re Stelvio Mapei fino alla scalata Cima Coppi a settembre (www.bormio.eu/event).

Il Passo Giro d'Italia passo-dello-stelviodello Stelvio con 2758 metri è il più alto passo automobilistico d’Italia e il secondo in Europa. Qui si può ammirare una natura incontaminata, protetta dal Parco Nazionale dello Stelvio: 1.300 km quadrati che abbracciano le province di Bolzano, Trento, Sondrio e Brescia. Il Passa Gavia viene ricordato per il Giro del 1988 quando i corridori dovettero affrontarlo in condizioni atmosferiche estreme. La strada, molto stretta in prossimità del Passo, che collega Bormio e S. Caterina di Valfurva a Ponte di Legno è immersa in un ambiente alpino con una incantevole vista sulla valle dei Forni in Valfurva. Il terzo mitico Passo, il Mortirolo, è entrato nell’olimpo del ciclismo, grazie alle gesta dell’indimenticabile Pirata, Marco Pantani.

Trofeo “Senza fine” omaggio di Canazei al Giro

Giro d'Italia Apt-Val-di-Fassa-trofeo-senza-fine

Trofeo “Senza-fine” a Canazei

Canazei il comune della Val di Fassa per celebrare i 100 anni del Giro d’Italia ha realizzato il trofeo “Senza fine”, una copia fedele del celebre premio, che viene stretto tra le mani del vincitore del Giro d’Italia, visibile nella sua imponenza sulla rotatoria di Strèda de Pareda, dove il 24 maggio ci sarà l’arrivo della 17ª tappa Tirano – Canazei e ancora il giorno successivo quando i ciclisti, partiti da Moena, ripasseranno accanto alla rotatoria alla volta del Passo Pordoi: l’opera misura 3,30 metri d’altezza, per un diametro di 1,30 metri e un peso di 700 kg. Il trofeo in autunno sarà spostato e potrebbe trovare collocazione in centro al paese su un basamento di dolomia, vicino all’allestimento di Piaz Marconi, preparato in occasione della Marcialonga, e alle diverse iniziative in programma a Canazei e Moena dal 22 al 26 maggio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA